auto lasciata al freddo all'aperto

Sei abituato a guidare quotidianamente per raggiungere il luogo di lavoro, oppure per accompagnare i figli a scuola o svolgere commissioni? In tutti questi casi sarai ben conscio dell’importanza rivestita dalla manutenzione dell’auto.
I controlli periodici sono ancora più importanti in inverno, stagione normalmente caratterizzata da precipitazioni, sia piovose che nevose, e da temperature particolarmente rigide.

Se non disponi di un garage ti sarà probabilmente già capitato, di prima mattina, di trovare la vettura con i vetri completamente ghiacciati, le serrature bloccate o, ancor peggio, con la batteria a terra.

Seguendo i consigli riportati nelle prossime righe potrai proteggere l’auto dal freddo, garantendo a te stesso e ai tuoi passeggeri una maggiore sicurezza.

Riscaldare la vettura e controllare il livello dei liquidi

Al mattino, una volta messo in moto il motore, lascialo “girare” per qualche minuto. Questa operazione consentirà agli organi meccanici di scaldarsi. Partendo immediatamente rischieresti di ritrovarti, tra l’altro, con i cuscinetti del cambio poco lubrificati.

Molto importante, in inverno, è fornire un’adeguata protezione ai “liquidi”. Controlla il livello di olio e acqua e non lesinare sui prodotti antigelo, fortemente consigliati. Versane un po’ nella vaschetta contenente il liquido lavavetri (in proporzione 50/50), facendo attenzione a non diluirlo eccessivamente; in questo modo la sua azione risulterà più efficace. Pur trattandosi di un’operazione semplice e veloce, non sono poche le persone a dimenticarsene. Tieni presente che, gelando nei condotti, il detergente dei lavavetri diventerebbe inservibile. Un vetro non pulito, a causa del ghiaccio, potrebbe portare ad usurare velocemente le spazzole dei tergicristalli.

Se il livello dell’olio è sceso eccessivamente, necessitando di un rabbocco, una buona idea è acquistare un lubrificante ideato specificatamente per le basse temperature.

Vetri ghiacciati? Ecco come intervenire

Il tipico problema dei vetri ghiacciati può essere risolto con un semplice raschietto. Se abiti in una zona caratterizzata da gelate frequenti e molto intense, uno spray de-ghiacciante, da spruzzare la sera, è sicuramente una soluzione più idonea.

Altro punto debole delle vetture è costituito dalle serrature dell’auto.
In inverno, l’umidità che penetra al loro interno è destinata a trasformarsi in ghiaccio, portando anche a bloccarne il meccanismo.
Anche in questo caso, tutelarsi con un de-ghiacciante è una buona idea.

Se è prevista una nottata particolarmente rigida, ricordati di sollevare i tergicristalli dal vetro; questo eviterà loro di “incollarsi” al vetro stesso. Un’alternativa è rappresentata da una coperta.

Batteria, pneumatici e carrozzeria: alcuni consigli per i mesi invernali

Batteria auto in inverno

A man in winter clothes on the street is engaged in repairing a car

Il freddo porta la batteria a scaricarsi con rapidità. Acquistando una termofedera scaldabatteria la proteggerai adeguatamente. E quando metti in moto la vettura, fallo senza aver acceso precedentemente i fari.

Già fattore essenziale nelle altre stagioni, le condizioni delle gomme diventano cruciali nei mesi invernali. Verifica con una moneta da 1 euro che il battistrada raggiunga una profondità non inferiore agli 1,6 mm. Se la corona in ottone della moneta non è visibile, la gomma è ancora pienamente efficiente. Meglio ancora sarebbe ricorrere alle gomme termiche, dotate di una mescola più morbida e di un miglior grip.

Occhio anche ai freni; in caso di precipitazioni la loro aderenza è destinata inevitabilmente a diminuire. Controlla, pertanto, dischi, pastiglie e livello del liquido.

Hai mai considerato il pericolo rappresentato dal sale, sparso sulle strade in previsione di una nevicata? Proprio il sale, infatti, può scalfire la vernice della carrozzeria. A tua tutela, terminato di lavare l’auto stendi un velo di cera.

Controlla la tua auto con cura prima di metterti alla guida e proteggila dal freddo e dalle intemperie, inoltre per la tua sicurezza e quella della tua famiglia puoi affidarti anche ai consigli che trovi in questa guida gratuita che ho creato per te.

Commenta questo post

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *