Pulizia esterna dell'auto con spugna e shampoo

Smog, pioggia, fango, neve, moscerini; sono molti i fattori che portano la carrozzeria dell’auto a sporcarsi con grande rapidità. È praticamente impossibile, soprattutto per chi è abituato ad utilizzare la vettura in ambienti urbani, disporre di un veicolo “immacolato”.ù

Tuttavia, è sufficiente pulire l’esterno dell’auto regolarmente, adottando alcuni piccoli accorgimenti, per ottenere buoni risultati. Nelle prossime righe troverai alcuni utili consigli in proposito.

Quando e dove effettuare la pulizia dell’auto?

Innanzitutto, anche se non ami dedicare molto tempo alla pulizia dell’auto è importante evitare che lo sporco, rimanendo a lungo sulla carrozzeria, finisca per incrostarsi. Il rischio, in particolare nei mesi più caldi, è che il calore possa fissarlo direttamente alla vernice. Una pulizia bimestrale rappresenta, pertanto, la soluzione migliore.

Un altro fattore spesso ingiustamente sottovalutato è il luogo scelto per le operazioni di pulizia. Quando possibile è meglio parcheggiare la vettura in una zona ombrosa in quanto, al sole, la carrozzeria tende a scaldarsi velocemente portando acqua e shampoo ad asciugarsi nel giro di pochi secondi, anche prima del risciacquo. Questo, a sua volta, provoca la formazione di macchie, visibili anche da lontano.

Carrozzeria: tutte le fasi della pulizia

Passiamo ora ad esaminare le diverse fasi della pulizia: prelavaggio, lavaggio con lo shampoo, asciugatura, lucidatura e ceratura.
Il prelavaggio è fondamentale per rimuovere in pochi istanti dalla carrozzeria i moscerini, o i residui di sabbia o sale. Se sei in cerca di una soluzione veloce, e al tempo stesso economica, potrai bagnare la carrozzeria con dell’acqua. Attendi 4-5 minuti, necessari affinché i piccoli insetti si impregnino adeguatamente. A quel punto per eliminarli sarà sufficiente una spugna.

Questa fase terminerà con il risciacquo, da eseguire con abbondante acqua, iniziando dalla parte inferiore e proseguendo con paraurti e passaruote, risalendo poi verso l’alto. Il prelavaggio ti farà perdere pochissimo tempo, ma eviterà che nella fase successiva il passaggio di un guanto o di una spugna sulla carrozzeria possa provocare graffi dovuti alla presenza di residui.

L’importanza dello shampoo

Potrai ora proseguire con lo shampoo. Tieni presente che il modo migliore per assicurare una pulizia profonda della carrozzeria prevede l’utilizzo in contemporanea di due secchi d’acqua, un guanto ed una spugna. Nel primo secchio dovrai versare lo shampoo, riservando il secondo al risciacquo. Utilizza il guanto per passare lo shampoo sulla parte alta del veicolo; la spugna, invece, è indicata per la parte bassa.

L’asciugatura

Molto importante è anche la fase successiva, ossia l’asciugatura; solo se eseguita con attenzione, infatti, darà lustro alla carrozzeria. Sono i panni in microfibra a garantire i migliori risultati, magari abbinati a prodotti studiati appositamente per eliminare tutti i residui d’acqua.

La lucidatura

Per quanto concerne la lucidatura, regalerà alla vettura la brillantezza e la profondità del colore che merita. Potrai procedere sia a mano che impiegando degli strumenti appositi, rotorbitale in primis.

La ceratura

L’ultima fase è rappresentata dalla ceratura, operazione da eseguire solamente un paio di volte l’anno. Una cera cremosa, da stendere a mano sulla carrozzeria, ti “riconsegnerà” un’auto praticamente nuova, almeno esteticamente. Una volta stesa, la cera dovrà asciugare prima di essere rimossa per mezzo di uno straccio morbido.

Pulire gomme e cerchi dell'autoMantenere l’esterno della tua auto pulita, soprattutto per quanto riguarda i vetri dell’auto e gli specchietti, è molto importante per viaggiare in sicurezza; inoltre può aiutarti a vedere subito eventuali graffi e ammaccature alla carrozzeria.

Anche la pulizia di gomme e cerchi è importante per vedere meglio eventuali anomalie e provvedere subito a farle sistemare dal tuo gommista di fiducia.

Commenta questo post

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *